Condividi la notizia

L'INTERVISTA

Allarme per bar e ristoranti, tanti non ce la faranno a superare questo momento. "Dobbiamo velocemente innovarci" [VIDEO]

La pandemia da emergenza sanitaria si è trasformata in emergenza economica e lavorativa. A Rovigo traccia un bilancio Fabio Franceschetti, a capo di Franceschetti group, che fornisce 1.600 esercenti tra Rovigo, Padova e Rovigo

0
Succede a:
ROVIGO - Fabio Franceschetti, patron della Franceschetti group, azienda che da 60 anni distribuisce e fornisce di prodotti alimentari a 1.600 clienti tra bar e ristoranti, lancia l'allarme: "Stime ufficiali di Confesercenti parlano di un 37% di non riaperture, una attività su 3 nella ristorazione non ce la farà, se siamo ottimisti una su 4, non riapriranno più. Nel settore bar, su stime comparative, si parla del 12 per cento delle attività che non riapriranno, che si incrementeranno durante l'anno. Mi dispiace tantissimo, è il nostro lavoro".


"Nella mia azienda questo si è trasformato in un calo di fatturato di 1 milione 600mila euro" spiega Franceschetti. "Una difficoltà drammatica per le piccole realtà di Rovigo, bar a conduzione familiare o con uno o due dipendenti. “La chiusura di quasi tre mesi imposta dall'emergenza Coronavirus è stata l'ultima spinta per cadere nel baratro” afferma Franceschettu. Le difficoltà sono diverse a seconda dell'organizzazione e dimensione della struttura. Nell'ambito dei bar di Rovigo e provincia al di là della riapertura di ci la farà e chi no, gli aiuti che il governo ha promesso non arrivano e sono al massimo di 25.000 euro per i ristoranti e bar con fatturato da 100mila euro anno. “A Rovigo – spiega Franceschetti – la media dei ricavi da fatturato è da 40-45mila, quindi meno della metà. Le banche non sono interessate a questo tipologia di cliente, che non sviluppa fatturato e al massimo dà problemi. Lo Stato lo garantisce le banche attraverso lo strumento del credito d'imposta, quindi le banche non rientrano direttamente del denaro prestato all'esercente e non cercano di non fare questa operazione, ma di portare gli aventi caratteristiche alla richiesta dei propri finanzimenti”. I dati diffusi per l'accesso a questo benificio danno ragione a Franceschetti con numeri di richieste ben al di sotto dell'1 per cento delle attività

La soluzione e-Performance di Franceschetti Group per bar e ristoranti.
Il take away rivalutato e concesso durante parte del lockdown non è stato fonte di guadagno, almeno in provincia di Rovigo, quanto perlopiù di una forma di investimento di immagine e marketing, per ricordare agli utenti che quel locale avrebbe riaperto. “Probabile che abbiano lavorato in perdita - spiega Franceschetti – perché quella modalità va impostata in maniera diversa, impareranno a farlo, succederà come per le pizzerie da asporto della domenica, ma questo significa perdita di posti di lavoro, perchè quando il sistema sarà rodato, ed è giusto che le imprese si adattino al mercato e sappiano adeguarsi, serviranno 2 persone per lavorare, non 10”.

Un'altra opzione per ridurre le perdite, o per rinnovarsi nel lavoro è l'ampliamento dell'estivo, “che oltre alla bellezza e alla felicità che può provocare una consumazione all'aperto in una bella piazza, non è che sia tutto rose e fiori, dipende dal caldo, dalle condizioni atmosferiche, e quindi è condizionata da fattori ingovernabili e avere un dehors ampliato implica maggiori spese e del personale in più”.  

Cosa consiglia ai baristi di Rovigo? "Lavorando su Rovigo, Padova e Ferrara mi rendo conto che qui ci autoflagelliamo, i costi sono gli stessi nelle tre province ma a Rovigo i prezzi per il consumatore rimangono bassi, in centro si riesce a trovare ancora caffè ad 1 euro, ed in provincia è la norma. Invece conviene migliorare la qualità del caffè, migliorare il servizio e far pagare un prezzo più alto, ovviamente ragionevole. Si contano sulla dita di una mano i bar che superano i 500 euro di guadagno in centro città".

"Capacità di innovare e modificare il modo di lavorare saranno i capisaldi per una una vera ripresa. I più sensibili a queste esigenze, i migliori, ce la faranno, gli altri no. Chi resisterà si dividerà il mercato" conclude Fabio Franceschetti

La soluzione e-Performance di Franceschetti Group per bar e ristoranti.
Articolo di Martedì 26 Maggio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it