Condividi la notizia

SCUOLA BARICETTA

Continua la lotta del comitato "La Matita di Teresa" per mantenere la prima classe della scuola elementare

Il comitato con il sindaco di Adria (Rovigo), Omar Barbierato, hanno presenziato all'incontro avvenuto con la dirigente scolastica Vianello, che ha sottolineato il fatto che non vi sono fondi per aprire la prima classe il prossima anno scolastico

0
Succede a:
BARICETTA (Rovigo) - Giovedì scorso, 21 maggio si è svolto l'incontro tra la dirigente scolastica Vianello, il sindaco di Adria, Omar Barbierao, e la rappresentanza del comitato la "Matita di Teresa", che ha sempre lottato per il mantenimento della prima classe delle elementari di Baricetta.

"La presenza dei genitori all'incontro rappresenta solo una parte delle espressioni di volontà messe in campo fino ad oggi per mantenere attivo il servizio di cui abbiamo usufruito e di cui intendiamo continuare a fruire anche il prossimo anno scolastico". Spiega lo stesso comitato. 

"Questa convocazione arriva dopo mesi di richieste per avere udienza con le dirigente per parlare del futuro dei nostri figli e della nostra scuola, scuola che sin dal primo giorno di emergenza e chiusura Covid-19 ha saputo attuarsi e reinventarsi da subito per continuare nel suo ruolo educativo e di “aggregazione sociale” come solo la scuola , la nostra scuola , ha saputo fare in questo lungo periodo di Dad ( didattica a distanza)".

"Tutti ci siamo adattati alle nuove regole e alla nuova modalità di operazione ma, anche in questo caso, la nostra piccola realtà ha saputo dare una risposta pronta ed efficiente. Ora siamo profondamente preoccupati per come si prospetta la nuova apertura di settembre ma siamo anche fiduciosi , visto la pronta risposta avuta in questi mesi e l’efficacia del lavoro fin qui svolto dalle docenti e dalla coalizzata volontà di noi genitori nel supportare il lavoro delle insegnanti e nel supportarci a vicenda".

Proseguendo: "Non vi è chiarezza su come si riprenderà a settembre: modalità mista, tutta presenza, distanziamento sociale, turnazioni...tutto è ancora vago e nebuloso. Quel che è certo è che alla scuola va riconosciuto il ruolo sociale che ha ed è insostituibile, soprattutto nella nostra realtà. Lo stesso Ministero della pubblica Istruzione ha riconosciuto che bisogna rivedere alcuni parametri e non solo nella modalità di insegnamento, ma nella stessa composizione delle scolaresche, con revisione di orari". 

"La nostra scuola è stata tra le prime ad attuarsi ottimamente alla nuova situazione d’insegnamento e il nostro edificio, con gli spazi capienti può sicuramente accogliere anche altre scolaresche e rendere più efficiente il rientro autunnale. Sicuramente la dirigenza, interlocutrice col territorio, sarà chiamata a fare delle scelte per dare nuova configurazione alle scolaresche e rispettare le norme di sicurezza previste; inevitabile sarà il coinvolgimento delle famiglie per presentare ed accettare la nuova riorganizzazione quali composizione dei nuovi gruppi, orari, composizione delle aule". 

Aggiungendo poi: "Essendo cambiato il quadro generale e in vista della necessità di un ripensamento dell’organizzazione tutta, tenendo conto delle disposizioni per garantire la sicurezza, visto il cospicuo bacino d’utenza prossimo alla scuola, vista l’eccellenza della didattica espressa in questo periodo, sarebbe più agevole per tutti, anche per l’amministrazione comunale nella gestione dei trasporti, riconsiderare ed ora più che mai rivalorizzare il ruolo del nostro plesso sul territorio".

Concludendo: "Esprimiamo quindi la volontà di continuare il percorso intrapreso dai nostri figli nel nostro plesso a Baricetta dove, oltre all’ottima qualità della didattica, interconnessa con attività laboratoriale della serra, possono usufruire di spazi capaci di garantire sicurezza e pseudo normalità di cammino e dove possono anche contare sui servizi collaterali offerti dalle associazioni locali pensati per supportare le famiglie quali mensa scolastica, attività di assistenza allo studio e attività sportive".
 
Articolo di Mercoledì 27 Maggio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it