Condividi la notizia

CALCIO

Tre mesi di ritardo per i lavori al Perolari

In autunno Lendinara (Rovigo) avrà finalmente la nuova tribuna al Perolari senza ulteriori costi, tra fallimenti e lockdown i lavori sono slittati

0
Succede a:

LENDINARA (RO) – Il sindaco Luigi Viaro, durante l’ultimo consiglio comunale del 21 maggio, rispondendo al quesito del consigliere Fabrizio Pavan, ha spiegato che il completamento della nuova tribuna del campo da calcio di via Perolari slitta di tre mesi, a causa del fermo prolungato imposto dal lockdown e per l’intervenuto fallimento della ditta appaltatrice.

Nel suo intervento, il consigliere Fabrizio Pavan, aveva chiesto lumi sulle sorti del cantiere fermo ormai da metà gennaio, anche per sapere se ci fossero stati aggravi economici per il Comune. “Ho saputo che la ditta è fallita e che l'amministrazione aveva anticipato una cospicua somma, ha detto l'ex vicesindaco, vorrei sapere quale danno comporta questo blocco della realizzazione dell'opera sia sul piano finanziario sia sotto l'aspetto funzionale all'utilizzo della struttura”.

Ricordiamo che la riqualificazione dell’impianto sportivo era prevista in due stralci, uno per la nuova tribuna da 210 posti a sedere e un secondo stralcio per un nuovo edificio adibito a spogliatoi, comprensivo di locale per arbitri e pronto soccorso e di un locale tecnico per gli impianti, per una spesa complessiva di un milione 220mila euro.

Assicurando che i lavori riprenderanno nei prossimi giorni, il sindaco Viaro ha ripercorso le tappe della vicenda, partendo dall'appalto assegnato per l'esecuzione dei lavori, “ … che procedevano di buon passo fino alla fase di stallo”. I lavori erano stati consegnati il 24 ottobre alla ditta vincitrice della gara e avrebbero dovuto terminare entro il mese di agosto di quest'anno. “… Poi però è arrivata la mazzata: con una nota il 24 gennaio la ditta ci ha comunicato l'impossibilità di far fronte agli impegni presi e il 18 febbraio è stata disposta la risoluzione in danno all'appaltatore, fermo restando il pagamento delle eventuali penali maturate” ha spiegato il Sindaco.  Prima di riassegnare i lavori alla ditta seconda classificata nella gara, ovvero il raggruppamento temporaneo d'impresa formato da Atheste costruzioni srl e Marchetto srl con sede a Este, con il direttore dei lavori sono stati approvati i documenti contenenti lo stato di consistenza dei lavori eseguiti, gli oneri da porre a carico dell'appaltatore, il quadro economico, il capitolato speciale d'appalto e il cronoprogramma.

L'aggiudicazione definitiva per le opere di completamento è stata fatta il 7 maggio e la firma del contratto tra Comune e ditta è prevista per questa settimana, con un contratto dall'importo aumentato per via dei maggiori costi che comporta la prevenzione della diffusione del virus Sars-Cov-2. Quanto ai costi, Viaro ha precisato che: “Il Comune aveva due assicurazioni, una era a garanzia dell'anticipazione, quindi la cifra che era stata anticipata è stata interamente coperta, un'altra sul corretto adempimento degli oneri contrattuali”. Anche sotto questo aspetto il Comune ha incassato ciò che c'era da incassare, per il ritiro della ditta Pro Edil srl di Milano.

Se non ci saranno sorprese, dunque, l'unico danno per la città consisterà nei tre mesi di ritardo, per cui si andrà al completamento verso l'autunno, anziché ad agosto.

Per il momento quindi, se e quando riprenderanno i campionati, il calcio lendinarese dovrà continuare a disputare gli incontri sul secondo campo.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Giovedì 28 Maggio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it