Condividi la notizia

CORONAVIRUS FASE TRE

Zaia: Dal 1 giugno cade l’obbligo della mascherina all’aperto

Il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia annuncia la nuova ordinanza dal 1 al 15 giugno che prevede il cambio delle norme per la circolazione delle persone

0

VENEZIA MARGHERA - Nella conferenza stampa di oggi 29 maggio Luca Zaia, presidente della Regione del Veneto, annuncia la nuova ordinanza che sarà in vigore dal 1 giugno al 15.

Il bollettino
I numeri dal punto di vista sanitario sono sempre più incoraggianti a livello regionale. Oltre 645mila tamponi processati, 1834 in isolamento, positivi 19.134 (+9 rispetto a ieri), ricoverati 411 (-15 rispetto a ieri), in terapia intensiva 31 persone (-3, i Covid sono solo 7), dimessi 3349 (+13), morti in totale 1906 (+8), 76 nati nelle ultime 24 ore.

La nuova ordinanza
L''ordinanza riprende le linee guida modificate e migliorate, ha alcune novità sul fronte terme e centri estivi, ma apre agli assembramenti privati e le mascherine rimangono obbligatorie al chiuso o quando c'è un assembramento, le case di riposo possono riaprire ed avere nuovi ospiti. L'ordinanza è stata pubblicata nel pomeriggio di oggi.
LEGGI L'ORDINANZA N.55 DEL 29 MAGGIO

Novità negli spostamenti individuali ed alle cene tra amici
Le mascherine andranno indossate nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, come negozi e supermercati, e all'esterno solo quando non è possibile garantire la distanza di sicurezza. "All'aria aperta va portata solo in caso di assembramenti", ha annunciato Zaia ricordando come se una persona è all'aperto in campagna non ha alcun senso indossare la mascherina. "I cittadini potranno finalmente organizzarsi una grigliata in famiglia".
Spostamento in auto tra conviventi: la mascherina non serve, se invece in auto ci sono estranei alla famiglia serve la mascherina. 

Assembramenti
"Sono vietati gli assembramenti in area pubblica, eccetto per i conviventi, ma non in area privata. “Detta in soldoni - dice Zaia - i cittadini potranno finalmente organizzarsi una grigliata in famiglia”.

Linee guida
Dal 1 giugno le attività economiche dovranno seguire le nuove linee guida della Regione.
Aprono i centri termali e benessere dal primo di giugno.

Centri estivi
Dal 1 di giugno i servizi per bambini e adolescenti (3-17 anni) si svolgono secondo la relativa scheda, ovvero chi ha la gestione del centro privato manda una scheda al comune e informa cosa fa. “E’ una visione molto semplificata - spiega Zaia - abbiamo certezza che chi apre applica le linee guida. Alleghiamo una scheda che deve essere sottoscritta fra gestore e genitore”. I centri estivi per i bambini 0 - 3 anni ha bisogno di ulteriori verifiche,  "scriveremo un'ordinanza ad hoc" dice il presidente.

Ombrelloni
Modificata la superficie minima per l'ombrellone è 12 metri quadrati. Nell'alto adriatico ci siamo accordati per questo limite minimo.

Guanti
Erano obbligatori per i supermercati, ora basteranno le mani igienizzate, "non solo non si trovano, ma le persone non li cambiavano per tutto il giorno" commenta Zaia. Vale anche nei negozi per clienti e operatori.

LEGGI L'ORDINANZA N.55 DEL 29 MAGGIO

Articolo di Venerdì 29 Maggio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it