Condividi la notizia

CALCIO SERIE D

Mattiazzi: Vogliamo fare una stagione importante. Terremo lo zoccolo duro della rosa

Il mister fresco di rinnovo dell'Adriese (Rovigo) spiega quello che sarà il prossimo futuro e soprattutto come ha in mente la prossima stagione in serie D, specificando che gran parte della rosa vuole mantenerla

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - "Sono molto contento per la riconferma sulla panchina dell'Adriese, in quanto sicuramente ci speravo, ma ero sereno perchè sapevo ciò che avevo fatto". Così il mister granata Gianluca Mattiazzi, che commenta poi: "Adesso stiamo già lavorando per il prossimo campionato e la prossima settimana ci troveremo nuovamente per mettere giù diverse idee, ma soprattutto per capire già chi tenere o meno, dato che dobbiamo muoverci nel miglior modo possibile". 

"Ovviamente l'idea è di confermare gran parte della rosa, a partire da Aliù, per passare a Florian e Lo Sicco, oltre a Pagan, Boscolo Berto, Cabras e altri, in quanto riuscire a tenere gran parte dei giocatori mi faciliterebbe nel riprendere il lavoro che ho lasciato quando è stato interrotto il campionato". 

Proseguendo: "Per quanto concerne lo staff ho qualche idea sull'allenatore in seconda, ossia qualcuno che ha lavorato con me alla Clodiense e che reputo veramente di gran valore; mentre per quanto riguarda il preparatore dei portieri Cesare Chiarelli non credo vi siano problemi, oltre al preparatore altetico Matteo Dianati, che prenderà le sue decisioni, ma da parte mia credo sia un gran professionista". 

Aggiungendo: "Non mi è mai piaciuto fare proclami e non lo farò neppure ora, per cui dico solo che vogliamo fare una bella stagione importante, andando avanti a step ed essendo consapevoli che possiamo fare bene se riusciamo ad impegnarci come si deve". "Pensiamo ad arrivare intanto ai 40 punti e poi ogni cosa verrà da sè". 
Articolo di Venerdì 29 Maggio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it