Condividi la notizia

ANZIANI

Tosca Sambinello fa quadrare i conti

È stato approvato in sostanziale equilibrio il bilancio della Casa Albergo di Lendinara (Rovigo)

0
Succede a:

LENDINARA (RO) - La presidente della casa Albergo per Anziani di Lendinara, Tosca Sambinello, fa il punto sul bilancio approvato nei giorni scorsi dichiarandosi, complessivamente soddisfatta perché, nonostante tutto, viene garantita la continuità assistenziale ma preoccupata per i problemi contingenti e ancor più per quelli legati alla mancata riforma del settore. Come negli esercizi precedenti, l’equilibrio di Bilancio è raggiunto grazie alla sterilizzate, vale a dire con l’applicazione del procedimento contabile mediante il quale viene annullato (per l'appunto "sterilizzato") l'effetto dell'ammortamento dei cespiti sul conto economico. Quest’alchimia consente alle ex Ipabb di pareggiare i risultati annuali, dopo la riforma contabile introdotta dalla DGR Veneto 780/2013.

In questo modo il bilancio di esercizio 2019, come precisato dal nuovo direttore Vittorio Boschetti, che prevedeva una perdita di 245mila euro, trova il suo equilibrio. In verità l’amministrazione sta progressivamente cercando di limitare il ricorso a questo istituto contabile ma le contingenze gestionali, aggravate dall’inopinata emergenza sanitaria covid-19, ha imposto un ripensamento che ha reso necessario ricorrervi ancora. La necessità della sterilizzazione è dunque legata alle minori entrate conseguite correlate ai concomitanti maggiori costi. 

“È presto detto, taglia corto la presidente Sambinello, all’inadeguato cronico riconoscimento regionale nell’assegnazione delle impegnative di rilievo sanitario per gli ospiti non autonomi accolti in struttura, si è aggiunto (con il lockdown) il blocco del turnover che ha causato una perdita di entrate consistente, a fronte di costi gestionali ordinari immutati, anzi cresciuti con gli approvvigionamenti dei dispositivi necessari a fronteggiare l’emergenza coronavirus”. Ciononostante, se l’imprevista sopravvenienza passiva ha sparigliato le carte del bilancio, la Casa Albergo, grazie all’attenzione rivolta al controllo dei costi di gestione, è sulla via di una graduale riduzione del ricorso alla sterilizzazione, senza penalizzare i servizi. “Vero è, prosegue la Sambinello, che quando, come in certi periodi del 2019, si raggiunge a malapena la copertura di 105 posti letto su 178 accreditati, è difficile far quadrare i conti”. 

Nonostante tutto, mentre è stato implementato il sistema di controllo qualità (il fiore all’occhiello dell’Amministrazione), proseguono le varie progettualità, come il servizio territoriale dell’Operatore di prossimità, che consente agli anziani di ricevere assistenza professionale a domicilio (compresi il pasto, l’igiene, il bagno assistito, il supporto psicologico, la fisioterapia e il supporto nella gestione delle incombenze della quotidianità), ritardando il più possibile l’istituzionalizzazione. A breve sarà aperto anche uno sportello dedicato agli anziani per aiutarli a conoscere ed esercitare i loro diritti inespressi. 

Altri progetti sono stati momentaneamente congelati, a causa lockdown, ma non abbandonati e riprenderanno al più presto, fra questi: la “Nostra casa”, quell’esperienza che prevede di vivere in cohousing le persone fragili o con disabilità, in altre parole di condividere uno stile di vita autonomo, in equilibrio tra l'autonomia della casa privata e la socialità degli spazi comuni, in un ambiente appositamente progettato. Lo stesso è successo per il “progetto movida” che era giunto a coinvolgere quaranta persone a fare la ginnastica dolce.

Il vero problema generale però resta quello della sostenibilità economica delle Ipab e, in questo, solo la Regione può intervenire per evitare il collasso delle strutture di accoglienza pubbliche perché come dice la Presidente: “… se l’emergenza Covid-19 può essere una contingenza avversa, l’iniquità oggi esistente col privato nel mercato sociale in tema di trattamento fiscale, contributivo e di costi del lavoro, è strutturale e fortemente penalizzante”.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Venerdì 29 Maggio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it