Condividi la notizia

EMERGENZA CORONAVIRUS

Zaia: "Dalle 24 di questa notte passeggiare senza mascherina non sarà illegale"

Il 31 maggio Luca Zaia, presidente della Regione, annuncia il bollettino del Covid-19 in Veneto e ribadisce alcuni punti dell'ordinanza che entrerà in vigore dalla notte. Per i liberi spostamenti extraregione serve provvedimento del governo

0
Succede a:

VENEZIA MARGHERA - Il bollettino del Coronavirus del 31 maggio in Veneto viene presentato in conferenza stampa da Luca Zaia, presidente della Regione del Veneto, ribaditi i "benefici" della nuova ordinanza che sarà in vigore dal 1 giugno al 15.

Il bollettino
I numeri dal punto di vista sanitario sono sempre più incoraggianti a livello regionale. Oltre 670mila tamponi processati, 1594 in isolamento, 19.952 positivi, 385 ricoverati  (+1 rispetto a ieri), 29 in terapia intensiva persone (-1 rispetto a ieri, i Covid sono solo 6), 3377 dimessi (+3), 1918  morti in totale (+2), 84 nati nelle ultime 24 ore.

La nuova ordinanza entra in vigore il 1 giugno
La nuova ordinanza entra in vigore domani 1 giugno e ha validità fino al 14 giugno, regolamenta l'uso della mascherina nei luoghi al chiuso e nel caso non via il metro di distanza tra le persone e l'apertura di tutte le attività in sicurezza.LEGGI L'ORDINANZA N.55 DEL 29 MAGGIO

Mascherine
Non è abolito l'uso della mascherina, il Veneto si è adeguato al resto d'Italia, prima qui in Regione c'erano delle norme più restrittive. Dalle ore 24 di questa notte, 1 giugno, entra in vigore il tema della mascherina non più sempre obbligatoria, ovvero rimane obbligatoria nei luoghi chiusi di servizio pubblico e negozi e nei luoghi aperti dove non ci sia la possibilità di avere il distanziamento sociale (per esempio code di attesa, o attivita all'aperto). Passeggiare senza mascherina non è illegale.

Linee guida in arrivo
Zaia annuncia che l'ordinanza per lo spettacolo dal vivo e il cinema è pronto. Linee guida per le discoteche a breve, poi case da gioco e casino'.

Confine regionale
Dal 3 giugno è previsto la caduta dei confini regionali che fino ad oggi non si potevano oltrepassare se non per motivi urgenti, ma serve un provvedimento del governo che validi il tema. Poi ci sarà la libera circolazione regionale. Stop alla autocertificazione. 

Articolo di Domenica 31 Maggio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it