Condividi la notizia

LA MANIFESTAZIONE

L’Italia di centrodestra non si arrende: orgoglio tricolore a Rovigo [VIDEO]

2 giugno, Festa della Repubblica, Fratelli d’Italia e Forza Italia, come in tutto il Paese, esprimono il proprio dissenso contro il Governo Conte esponendo il tricolore perchè il singolo cittadino italiano ritorni al centro dell'interesse politico

0
Succede a:

ROVIGO - “L’Italia non si arrende”, un grande e lungo tricolore il 2 giugno, Festa della Repubblica. Ad esporlo per oltre 40 metri lungo vicolo Laurenti, davanti a Palazzo Roverella, fino all’imbocco di piazza Vittorio Emanuele II, gli esponenti di Fratelli d’Italia Rovigo e Forza Italia.

Poco prima si era tenuta la cerimonia pubblica in piazza con il sindaco Gaffeo e il Prefetto Maddalena De Luca, una contro manifestazione di protesta contro il Governo guidato da Giuseppe Conte. Una protesta composta, una manifestazione pacifica con tanto di Inno di Mameli, mentre una settantina di esponenti di Fratelli d’Italia Rovigo e Forza Italia sorreggevano con orgoglio il lungo tricolore.


Qualche difficoltà logistica, visto che in corso del Popolo era in corso anche il mercato del martedì, in una Rovigo viva, che ha voglia di ricominciare dopo tre mesi di terrore ed angoscia a causa delle chiusure imposte dalle misure di contenimento del contagio da Covid-19, e per le difficoltà economiche derivanti da un lungo lockdown.

Una manifestazione organizzata a livello nazionale con le sigle del centro destra.

“Questo Governo ha anteposto i giochi di palazzo, rispetto agli interessi degli italiani, manifestiamo in silenzio, ma diamo il 100% del nostro dissenso” ha esclamato Alberto Patergnani, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia Rovigo.


Sulla stessa lunghezza d’onda Andrea Bimbatti, coordinatore provinciale di Forza Italia “Questo Governo probabilmente si è dimenticato degli italiani, quando a parole ha promesso che avrebbe aiutato tutti. Si stanno curando la loro posizione personale, il Governo non sta dando risposte, siamo alla fine della pandemia e la gente sta ancora aspettando i soldi, non per fare feste, ma per mangiare, e questa è la cosa più grave. Protestiamo in silenzio, sotto la bandiera di tutti, senza fare manifestazioni che mettono a rischio la salute di nessuno, ma sotto il nostro tricolore vogliamo dire al Governo che si deve ricordare che rappresenta tutta l’Italia, che oggi è in difficoltà”.

 

 

Articolo di Martedì 2 Giugno 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it