Condividi la notizia

EMERGENZA SANITARIA

Primo giorno senza nessun morto di Coronavirus in Veneto

Luca Zaia, presidente della Regione, presenta il bollettino del 3 giugno e i temi ancora aperti sull'argomento delle aperture

0
Succede a:
VENEZIA MARGHERA - Nelle ultime 24 ore nessun decesso per Coronavirus, è questa la notizia del 3 giugno in Veneto. Luca Zaia, presidente della Regione del Veneto, presenta il bollettino del Coronavirus. 695mila tamponi, 19.164 positivi, 1267 le persone in isolamento (-44 rispetto a ieri), 380 pazienti ricoverati (+5 rispetto a ieri, 106 i positivi), 24 le terapie intensive (-3 di cui solo 2 positivi), dimessi sono 3.387, morti totali 1.921 (invariato, primo bollettino senza decessi) dei quali 1379 in ospedale. Nati nelle ultime 24 ore sono 70.

Mezzi di traporto
Oggi Zaia rende nota la lettera che ho inviata al presidente dell'Emilia Romagna Bonaccini, "lettera nella quale sostengo che si debba valutare la possibilità di utilizzare i mezzi pubblici con la capienza da omologazione con l'obbligo della mascherina" spiega Zaia. Questo passo in più significa recuperare il 50% di capienza. "Treno, vaporetto, bus il tema è questo. La riduzione della capienza per la sicurezza non ha dall'altra parte la possibilità di avere il doppio dei mezzi di trasporto, con la creazione di assembramenti non sicuri, e che manca ancora l'utenza scolastica. I mezzi di trasporto per garantire il servizio al 100% con la riduzione della capienza non ci sono, bisogna provvedere a risolvere il problema. A livello nazionale non sono d'accordo? Il servizio ai cittadini in sicurezza è doveroso, se passa il principio che se non trovi bus e treno si creano assembramenti e auto che si muovono, ovvero inquinamento, mi pare chiaro serva una soluzione".

Week end
Nel week end gli spostamenti sono stati notevoli, con la gita fuori porta, Venezia, Rosolina, "è chiaro che in spiaggia non ci può essere i dj che fa ballare la gente, è illegale. Il tema della mascherina è ancora in essere: nei luoghi chiusi, e nei luoghi all'aperto se la distanza di un metro non può essere mantenuta". 

0-3 anni
Il Veneto è ancora in pista per la partita 0-3 anni, "con i presidenti delle regioni abbiamo votato le linee guida nazionali, abbiamo chiesto al governo di vidimarle, ma nessuno risponde da Roma. Noi apriremo lo stesso, ci prenderemo la nostra responsabilità, ma che le famiglie sappiano che Roma non ha risposto.
Articolo di Mercoledì 3 Giugno 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it