Condividi la notizia

CARABINIERI 

Un anno di successi investigativi ed encomi per i Carabinieri di Rovigo

Tempo di bilanci e di encomi per i Carabinieri di Rovigo guidati dal colonnello Antonio Rizzi. Sgominate bande di rapinatori, salvate vite umane e stroncati traffici illeciti di droga, senza dimenticare alcuni tentativi di omicidio risolti 

0
Succede a:

ROVIGO  - Ci sono sempre. Oltre due secoli al servizio dello Stato e della popolazione. I Carabinieri non si tirano mai indietro, un sostegno costante al Paese, contro la criminalità e le avversità. Un punto di riferimento costante per i cittadini, fare il lavoro del carabiniere non è un mestiere qualunque, è una missione. 

A Rovigo il comando provinciale del colonnello Antonio Rizzi nell’ultimo anno ha dato delle risposte importanti, ha risolto casi complicati e creato fiducia, un senso di sicurezza percepito con la presenza sul territorio ed indagini accurate.

Il 7 giugno 2019 i Carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Rovigo e della stazione di Lendinara, a conclusione di serrate indagini, identificavano e traevano in arresto per “omicidio stradale con fuga” un lendinarese 31enne. l’uomo, nottetempo, lungo la S.R. 88, tra i comuni di Badia Polesine e Lendinara, alla guida di un’autovettura, dopo aver urtato e fatto cadere a terra un cicloturista svizzero 75enne, si dava alla fuga senza prestare soccorso all’anziana vittima, che decedeva subito dopo, 

LEGGI L'ARTICOLO SULLA FESTA DELL'ARMA
LEGGI L'ARTICOLO SULLE ATTIVITA' DEI CARABINIERI DI ROVIGO 
LEGGI L'ARTICOLO SULLE OPERAZIONI DELL'ARMA DI ROVIGO

 

Il 19 giugno 2019, presso la stazione ferroviaria di Imola (Bo), un uomo affetto da disturbo mentale, poco prima del sopraggiungere di un treno ad alta velocità,  si poneva sulle rotaie con intento suicida. solo il tempestivo intervento del brigadiere Fabio Monticelli, addetto all’aliquota operativa del n.o.r.m. della compagnia di adria, permetteva di trarre in salvo l’uomo nonostante opponesse resistenza; 

Il 23 luglio 2019 i Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile e della stazione di Adria, traevano in arresto per tentato omicidio un 29enne italiano del luogo che nottetempo, al termine di un alterco per futili motivi, colpiva al torace con un coltello un concittadino. 

Il 24 luglio 2019  i Carabinieri del nucleo investigativo di Rovigo, al termine di serrate indagini, traevano in arresto su ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Rovigo, due pregiudicati siciliani, responsabili della rapina aggravata commessa il precedente 23 maggio ai danni del supermercato “Eurospar” di Polesella. I due uomini, unitamente al altri due complici, erano già stati tratti in arresto in flagranza del reato di tentata rapina, il 6 giugno 2020, dai medesimi militari in collaborazione con quelli della compagnia carabinieri di San Giovanni in Persiceto (Bo). 

Il 2 ottobre 2019 i Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Rovigo e della stazione di Trecenta, traevano in arresto due uomini ed una donna, resisi responsabili del reato di sequestro di persona di una giovane, ex convivente di uno dei due uomini, avvenuto poco prima nella provincia di mantova per motivi passionali.

Il 25 dicembre 2019 i Carabinieri della sezione operativa della compagnia carabinieri di Rovigo, nel corso di indagine avviata a seguito del furto di un ingente quantitativo di tabacchi dal magazzino dei monopolio di stato di rovigo, recuperavano presso una tabaccheria di Modena parte della refurtiva e denunciavano in stato di libertà, per il reato di ricettazione, una donna, 48enne, di nazionalità cinese;

Il 17 marzo 2020 i Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Castelmassa e della stazione di Ficarolo, traevano in arresto per il reato di tentato omicidio un cittadino cinese. l’uomo, per questioni economiche, armato di una “mannaia”, si scagliava contro due connazionali, titolari di un laboratorio tessile, ferendoli gravemente.

Il 1 aprile 2020 i Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile e della stazione di Adria, traevano in arresto per il reato di tentato omicidio una donna marocchina 39enne, la quale, durante una lite scaturita da motivi passionali, accoltellava all'addome e al volto il compagno convivente;

Il 15 aprile 2020 i Carabinieri del nucleo investigativo di Rovigo, al termine di serrate indagini, traevano in arresto su ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del tribunale di Rovigo,  quattro persone pregiudicate di etnia rom ritenute responsabili di 15 furti in abitazione, commessi nelle province di rovigo, verona, ferrara e padova. 

Nel periodo dal 1 giugno 2019 al 31 maggio 2020,  sono stati attribuiti alcuni riconoscimenti ai militari che si sono particolarmente distinti nel corso del servizio, e precisamente a: 

brigadiere Fabio Monticelli, addetto al nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Adria: encomio solenne del comando generale dell’Arma dei carabinieri, per essere intervenuto senza esitazione, libero dal servizio, in soccorso di un uomo che, con chiari intenti suicidi, si era posizionato sui binari in attesa dell’arrivo del treno, riuscendo, nonostante la resistenza opposta a trarlo in salvo. 

La consegna dell’alto riconoscimento è avvenuta, ad opera del Gen. c.a. Enzo Bernardini, comandante del comando interregionale “Vittorio Veneto”, presso il comando di vertice di Padova, a Prato della Valle.

Encomio semplice del comando Legione carabinieri “Veneto”, per essere intervenuti in soccorso di un uomo che, con chiari propositi suicidi, si era cosparso di liquido infiammabile minacciando di darsi fuoco,

al capitano Andrea Pezzo, comandante della compagnia di Castelmassa, maresciallo maggiore Marco Cestaro, comandante della stazione di Occhiobello e maresciallo Mario Cappelli, addetto alla stazione di Occhiobello.

Per il maresciallo ordinario Claudio Gallerani, ora addetto alla stazione di Trecenta: encomio semplice del comando Legione carabinieri “Calabria”, per aver condotto un efficace attività di polizia giudiziaria conclusasi con l’arresto di tre persone, una delle quali affiliata ad agguerrita cosca di “ndrangheta” ed il sequestro di numerose armi, munizioni e materiale esplodente;

Ai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Castelmassa, della stazione di Occhiobello e della stazione di Canaro: encomio semplice del comando legione carabinieri “Veneto”, per aver condotto, con  sinergico impegno ed elevata professionalità, un’attività d’indagine volta alla repressione dei reati concernenti lo spaccio di sostanze stupefacenti che ha consentito di trarre in arresto tre persone e sequestrare un ingente quantitativo di droga . 

Articolo di Venerdì 5 Giugno 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it