Condividi la notizia

RUGBY TOP12

Stefan Basson a Mogliano al fianco di Salvatore Costanzo

Quasi 200 presenze con la FemiCz Rovigo, uno scudetto, dopo l’avventura di Firenze il sudafricano Stefan Basson allenerà a Mogliano dove è anche nata una Accademia 

0
Succede a:
Stefan Basson e Salvatore Costanzo guideranno il Mogliano

ROVIGO - Dieci anni con la maglia del Rovigo non si cancellano, soprattutto se si è vinto uno scudetto come nel 2016. Quando andò via da Rovigo, accettando la proposta de I Medicei Firenze, montò la polemica, addirittura spuntarono degli striscioni al Battaglini in segno di protesta (LEGGI ARTICOLO), ma non poteva fare diversamente, l’allenatore gli aveva già detto che per lui il futuro a Rovigo non c’era (LEGGI ARTICOLO) 

Tra i giocatori stranieri che hanno militato con il Rovigo è quello che ha messo insieme il maggior numero di presenze in campionato, quasi 200. Un numero impressionante considerato che dalla stagione del suo esordio, il 2007/08, ha mancato appena 12 partite tra quelle giocate dalla squadra rodigina nel massimo torneo del rugby italiano. Tra i record accumulati da Basson con la maglia rossoblù c'è anche quello dei punti segnati. Con i suoi 1.438 punti realizzati in campionato (34 mete, 259 calci piazzati, 29 drop e 202 trasformazioni)  l'estremo sudafricano occupa attualmente il terzo posto nella classifica dei migliori marcatori di tutta la storia del Rovigo alle spalle di Andrea Scanavacca (2.938)  e di Naas Botha (1.724).  

Ha esordito il 13 ottobre 2007, 1° giornata, Parma-Rovigo 34 – 7. La prima meta in rossoblù l’ha segnata il 19 aprile 2008 alla 14° giornata, Rovigo-Viadana 25-14. L’ultima partita è stata la finale di Calvisano persa dalla FemiCz Rovigo per 43 – 29 con 15 punti segnati da lui. La sua miglior stagione come realizzatore è stata quella del 2012/13 (campionato a 12 squadre) con 269 punti segnati in 22 presenze.

Sono numeri più che sufficienti per spiegare la festa d’addio (LEGGI L'ARTICOLO SULLA FESTA IN ONORE DI STEFAN BASSON)Arrivato giovanissimo a Rovigo, nazionale Seven del Sud Africa, da Firenze dove ha concluso la carriera da giocatore (LEGGI ARTICOLO) , ora si sposta a Mogliano.

Porta con sé la classe, e quella è difficile da insegnare, e un bagaglio d’esperienza notevole. A Mogliano farà coppia con Salvatore Costanzo, con cui ha battagliato sul campo in finali scudetto mai banali in un eterno duello Calvisano - Rovigo. Salvatore Costanzo ha dimostrato di saperci fare anche come allenatore, il pacchetto di mischia allestito a Mogliano ha dato ottimi risultati, per i tre-quarti Stefan Basson ha le competenze giuste per fare il salto di qualità, Senza dimenticare che proprio Mogliano ha allestito recentemente una Accademia.  

 

Articolo di Sabato 6 Giugno 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it