Condividi la notizia

EMERGENZA ECONOMICA

"Adotta un barista o un ristoratore". Parte la campagna per una specie in via di estinzione

Rischiano di morire a causa delle chiusure imposte nella fase emergenziale di contrasto al contagio da Covid-19, per la burocrazia, per il crollo del mercato, per le promesse non mantenute, di aiuti mai arrivati

0
Succede a:
ROVIGO - Non solo in città, ma in tutta la provincia di Rovigo il settore della somministrazione e della ristorazione è in pericolo. Il Coronavirus e le chiusure governative sono state un disastro per la categoria (LEGGI ARTICOLO), la fase delle riaperture sarà un salasso ed obbligherà a lavorare in maniera diversa (LEGGI ARTICOLO).

"Adotta un barista o un ristoratore, specie destinate all'estinzione" è la campagna di sensibilizzazione lanciata da Franceschetti Group per sensibilizzare l'utenza sulle difficoltà che gli esercenti affrontano per tenere aperto e per far comprendere che, a fronte di un servizio migliore, più sicuro, più sostenibile, una richiesta economica maggiore di 20 centesimi deve essere accolta, non rifiutata.


"Adottiamoli!
Perché il bar ed il ristorante sono presidi del territorio, un crocevia di culture e di ricordi.
Sono servizi di prima necessità sbeffeggiati dalle associazioni consumatori che, con battaglie demagogiche, impongono di fatto il prezzo del prodotto primario: il caffè e la prima colazione, pretendendo che allo stesso prezzo dello scorso anno si debbano dare gratuitamente:
- 5gr di detergente mani in entrata del locale (7 centesimi in media);
- altri 5gr detergete mani in uscita dal bagno (altri 7 centesimi);
- la tazzina usa e getta (altri 6 centesimi) o la tazzina compostabile (ben 10 cent);
- 26 mascherine al mese da un euro ad ogni operatore;
- sanificazione del locale ogni 12 ore;
- cartellonistica informativa, corsi di formazione, responsabilità addirittura penali in caso di contagio, equiparato all'infortunio sul lavoro se è un dipendente;
- responsabilità di vigilanza contro gli assembramenti.

Insomma, se in "era pre-Covid" il caffè costava 1,10€, adesso il barista incassa meno di 80 centesimi e ne vende la metà.

Vi sembra sensato lamentarci se ora un bar è costretto a chiedere 1,30€ / 1,50€ per un caffè o un croissant?
Andremmo noi a lavorare, molte più ora di prima alla ricerca disperata di nuove entrate, senza guadagnare ma addirittura perdendoci?"
Articolo di Sabato 6 Giugno 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it