Condividi la notizia

ECONOMICA DEL DELTA DEL PO

Moria di vongole, aperto il bando per aiuti straordinari agli allevamenti di Caleri, Marinetta e Rosolina

Aiuti straordinari da 200mila euro dalla Regione Veneto per le morìe causate dalle ultime mareggiate. L'assessore Cristiano Corazzari: "Risorse erogate in via diretta"

0
Succede a:
Articolo diMercoledì 1 Luglio 2020
VENEZIA - Da venerdì 3 luglio le imprese di pesca delle vongole nei comparti marittimi di Venezia e di Chioggia e gli allevamenti di vongole veraci di Porto Viro e Rosolina possono presentare domanda per ottenere gli aiuti straordinari stanziati dalla Regione Veneto per i Consorzi dell’Alto Adriatico, a seguito dalle mareggiate dell’autunno scorso e della morìa di vongole verificatasi nei primi tre mesi del 2020. Il numero in uscita venerdì del Bollettino Ufficiale della Regione Veneto pubblica i due bandi a sostegno di pescatori e allevatori di vongole colpiti dalle due eccezionali avversità. Uno dei due bandi (da 200 mila euro) è tutto rivolto al Delta del Po: agli allevamenti delle lagune di Caleri, Marinetta e di Rosolina, che nei primi tre mesi di quest’anno hanno registrato una anomala morìa di vongole, con perdite dal 20 al 100% della produzione, a causa delle elevate temperature dell’acqua e di una intensa fioritura di microalghe. Le risorse saranno assegnate alle imprese in proporzione al numero degli addetti all’attività di acquacoltura.
 
“Con la pubblicazione del bando per le imprese della venericoltura del Delta del Po la Regione Veneto conferma gli impegni assunti con le imprese e i consorzi polesani. I 200mila euro stanziati rappresentano un aiuto concreto e diretto per mitigare le perdite causate dall’anomala morìa di vongole che si è verificata tra gennaio e marzo. L’acquacoltura è il vero ‘oro’ del Delta e va valorizzato in ogni modo”.
L’assessore regionale polesano Cristiano Corazzari sottolinea così l’attenzione che la Regione, tramite gli assessorati al Bilancio e alla Pesca, ha riservato all’acquacoltura delle lagune polesane e dell’area deltizia.

“La Regione Veneto ha attivato un intervento straordinario e di emergenza per due bandi pari a 800 mila euro, con risorse del proprio bilancio – dichiara l’assessore regionale alla pesca, Giuseppe Pan – in ragione dell’alto valore economico del settore, con conta oltre 200 imprese, centinaia di pescherecci e un significativo indotto non solo in termini di occupazione e di fatturato, ma anche di gestione ambientale della risorsa naturale dei fondali adriatici e di valorizzazione turistica. Al duplice evento calamitoso, che ha colpito pescherecci e allevamenti di vongole del Veneto causando pesanti cali produttivi, rispondiamo con un aiuto diretto alle singole imprese, in deroga al regime degli aiuti comunitari”.

I due bandi restano aperti sino al 2 agosto.
 
“L’intervento regionale prevede che i beneficiari delle sovvenzioni regionali – conclude Pan – siano chiamati a collaborare con i rispettivi consorzi nelle operazioni di ripristino ambientale e di ricostituzione della risorsa naturale o delle aree ‘nursey’. La Regione intende così valorizzare l’attività di pesca e di acquacoltura e l’esperienza dei Consorzi anche come presidio di salvaguardia dell’ambiente costiero e di tutela delle risorse del mare”.

“Sono risorse erogate in via diretta – sottolinea Corazzari - che aiuteranno ad assicurare liquidità alle imprese per rigenerare gli allevamenti. Ancora una volta la Regione ha ascoltato e fatto proprie le preoccupazioni degli operatori di un settore vitale per l’economia del primario in Veneto e per la sua bilancia commerciale, ed è intervenuta con una sovvenzione speciale a tutela delle imprese, dei lavoratori, e della gestione delle aree marine vocate all’acquacoltura, con particolare attenzione per le specificità ambientali e produttive delle lagune di Porto Caleri e di Marinetta, sul Po di Levante”.
Articolo di Mercoledì 1 Luglio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it