Condividi la notizia

POLITICA LENDINARA

A Lendinara un rimpasto di giunta per ritrovare serenità e numeri in maggioranza

Malumori da sedare e referati da distribuire. Aspettative da soddisfare e gruppi consiliari da compattare, i prossimi 10 giorni della giunta di Luigi Viaro si preannunciano interessanti

0
Succede a:
Baccaglini per FdI, Dorio per la Lega, Cortelazzo per Forza Italia col candidato sindaco Luigi Viaro
Articolo di Venerdì 25 Settembre 2020
LENDINARA – Prima le dimissioni di Irene Sasso (LEGGI ARTICOLO), l'assessore esterno di Fratelli d'Italia che se ne è andata e nel rassegnare le dimissioni ha parlato sì di motivi personali, ma anche di mancanza di un clima di collaborazione, lealtà e spirito di squadra, poi il sostegno aperto alla candidata consigliere regionale, sempre di Fratelli d'Italia, Mantovan che si è ritrovata non eletta, ma con oltre 400 preferenze a Lendinara, un comune guidato dal coordinatore degli enti locali di Forza Italia il cui candidato sul territorio ha strappato solo 40 voti. 

Malumori che si sono percepiti, nei corridoi del palazzo comunale, anche nell’area moderata dello schieramento che ha sostenuto nel 2019 Luigi Viaro, anche se l’interessato smentisce. Di là dalle dichiarazioni ufficiali, anche alcuni “pretoriani” del Sindaco a denti stretti ammettono malumori e incomprensioni nella maggioranza. Un clima che emerge tra le righe soprattutto in Consiglio comunale, anche da qualche distinguo e votazioni difformi. A nessuno, inoltre, è sfuggita l’assenza dell’assessore al bilancio e vicesindaco nelle decisioni sugli ultimi aggiustamenti al bilancio e nell’ultimo consiglio comunale.

Anche l’opinione pubblica, “vox populi …”, quella che si respira nelle piazze e sui social, è convinta che con la scusa di sostituire la Sasso, Viaro coglierà l’occasione per un rimpasto più ampio. Insomma gli indicatori di una mini crisi ci sono tutti, manca solo la decisione del primo cittadino che si vocifera arriverà in settimana o tuttalpiù la successiva. Oltre al nominativo destinato a sostituire la dimissionaria in Giunta i rumors insistentemente parlano di altri possibili cambiamenti tra gli assessori dei moderati che in effetti Luigi Viaro non ha smentito (LEGGI ARTICOLO) e ammette che col risultato plebiscitario ottenuto nelle elezioni amministrative per qualcuno sia passato in secondo piano il fatto che fare l'amministratore comporta onori ed oneri, per cui è giungo il momento  per fare un ragionamento complessivo. “Una delle criticità espresse in questi mesi è la collaborazione tra sindaco, assessori e consiglieri delegati, ma penso debba esserci intercambiabilità e integrazione e chiedo a un amministratore di avere la giusta elasticità”, sostiene il Sindaco. Sul nome di Valentini e sulle voci che circolano il sindaco non si esprime anche se ammette che quello della viabilità è un tema caldo.

Luigi Viaro dunque, preso atto che dalla vittoria trionfale del maggio 2019 sono venuti meno coesione e gioco di squadra, ritiene necessario intervenire per portare avanti il programma su cui gli elettori hanno espresso il consenso. “Non ci sarà nessuna epurazione, ma ho chiesto ai gruppi di confermare lo stato delle cose o dare elementi per cui la squadra possa essere coesa nell'operatività quotidiana”. Ora i gruppi politici esprimeranno le loro valutazioni, poi il Sindaco farà le sue scelte. “Credo che in dieci o quindici giorni al massimo sarà tutto definito”.
Finita la fiera, passate le elezioni regionali, a bocce ferme, quello che il Sindaco definisce "confronto aperto” è certamente già iniziato a fine agosto.  “Se qualcuno ha qualcosa da dire, ha concluso Viaro, è il momento di metterlo sul tavolo”.

Non resta che aspettare: “se son rose fioriranno” si diceva un tempo, però consapevoli che non c’è rosa senza spine; tradotto si sarà da valutare quali sussulti ci saranno negli equilibri politici locali, anche perchè rinunciare al governo di un Comune, destinato a 9 mesi di commissariamento prima di nuove elezioni, senza una alternativa di cambiamento, sembra non interessare, al momento, a nessuno.
Ugo Mariano Brasioli
Articolo di Venerdì 25 Settembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it