Condividi la notizia

SPETTACOLO ROVIGO

Il teatro torna a scuola anche in dad. Ritornano le lezioni spettacolo di Arteven

Le nuove disposizioni per la didattica a distanza non fermano gli appuntamenti teatrali che da 21 anni animano i complessi scolastici del Veneto grazie ad Arteven, il Circuito multidisciplinare partecipato dalla Regione del Veneto e da 80 comuni.

0
Succede a:
Articolo di Mercoledì 4 Novembre 2020
MESTRE - Il Teatro torna a scuola e sperimenta la didattica a distanza. Sono riprese le lezioni spettacolo di Arteven, tanto apprezzate da studenti e professori. Le prime si sono svolte nell’ottobre scorso in presenza nelle scuole di Noventa Vicentina, Monselice, Chioggia (Ve), Mirano (Ve), Thiene (Vi), ma le ultime disposizioni hanno cambiato le modalità e Arteven ha accettato la sfida adattando il format alla nuova realtà: sono nate così le lezioni spettacolo via web. 

I ragazzi potranno partecipare attraverso l’uso del pc esattamente come fanno con il resto delle lezioni in Dad, mentre gli attori si esibiranno in diretta dall’altra parte dello schermo, permettendo il dialogo tra le parti e rispondendo alle domande degli studenti proprio come fossero in classe.

Si tratta della prosecuzione del progetto interrotto a marzo scorso a causa della chiusura delle scuole e che si concluderà a dicembre 2020. Novità di quest’anno, si rivolge sia alle classi medie inferiori che alle superiori, dipanandosi in una doppia proposta.

Per i più piccoli è stato pensato un progetto incentrato sul cyberbullismo: è Aracne della compagnia Teatro Boxer di Andrea Pennacchi, basato sul Blue Whale, il misterioso fenomeno di internet nato in Russia che consisterebbe in una serie di prove da superare - tra cui l’automutilazione-, e che secondo qualcuno avrebbe spinto decine di adolescenti nel mondo al suicidio. 

Il secondo, invece, si rivolge ai ragazzi delle superiori ed è incentrato su Giacomo Leopardi. In questo caso sono due le lezioni spettacolo proposte alle scuole. In Leopardi /Una vita al limite della compagnia Teatro Bresci, il poeta diciannovenne viene presentato sotto una chiave nuova mettendolo a confronto con i coetanei di oggi, scoprendo così uno degli intellettuali più all’avanguardia della letteratura e del pensiero del Paese, in un momento in cui l’Italia e l’Europa sono attraversate da grandi trasformazioni.

In I fanciulli e i selvaggi della Compagnia teatrale Zelda, le protagoniste sono le Operette morali, testi poco conosciute che invece racchiudono una concezione filosofica profonda che ancora oggi offre l’occasione per riflettere sulla condizione umana, sul valore delle relazioni, sul ruolo della cultura e sul senso profondo della nostra esistenza. 

"Il Teatro si riconferma uno strumento vitale che fa breccia nei giovani e arriva dove spesso le parole degli adulti si fermano – dichiara il presidente di Arteven Massimo Zuin - anche attraverso la didattica a distanza, queste lezioni spettacolo sono un mezzo efficace per parlare ai ragazzi e aiutarli a superare le loro paure mettendoli a confronto con le grandi figure del passato".

Da ben 21 anni Arteven propone alle scuole della regione dei progetti condivisi che affrontano temi di attualità o personaggi della storia italiana attraverso lezioni/spettacolo che attualizzano il soggetto e coinvolgono i ragazzi utilizzando il teatro. 

Moltissimi i temi indagati: dai Moti del '48, alle opere del Ruzante, agli scritti del Palmieri, alla poesia del Petrarca, ai luoghi veneti citati nelle opere di Shakespeare, alla rivalità dei due grandi commediografi veneziani Gozzi e Goldoni, alle architetture del Palladio, alle scoperte di Galileo e alla pittura rivoluzionaria del Giorgione; ancora i 150 anni dell’Unità d’Italia attraverso la figura di Ippolito Nievo, i viaggi onirici di Salgari, la musica di Giuseppe Verdi, il coraggio del Giusto fra le Nazioni Elio Gallina, l’importante anniversario della Grande Guerra e i poeti Ugo Foscolo e Dante Alighieri. Le lezioni spettacolo promosse all’interno degli Istituti Superiori si sono affermate come efficace strumento di approfondimento per ragazzi e insegnanti.
Articolo di Mercoledì 4 Novembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it