Condividi la notizia

AMBIENTE

100 piante antismog consegnate ai residenti di Gaiba

L’iniziativa “Ridiamo il sorriso alla pianura padana” è stata un successo in tutto il Polesine e anche a Gaiba (Rovigo)

0
Succede a:
Articolo di Mercoledì 11 Novembre 2020

GAIBA (Rovigo) - Consegnate oggi dalla giunta comunale di Gaiba le 100 piante ordinate da alcuni cittadini gaibesi tramite l’iniziativa lanciata dai Comuni di San Bellino e Carceri “Ridiamo il sorriso alla pianura padana”, un progetto che si è esteso e diffuso a livello regionale e che ha come obiettivo la distribuzione gratuita di alcuni giovani alberelli e arbusti autoctoni del Veneto da piantare nel proprio giardino. Trattasi di essenze arboree tipiche del nostro territorio, considerate antismog e dunque utili a contrastare i livelli di inquinamento sempre più prepotenti presenti nell’aria, specie in pianura padana. Il Comune di Gaiba ha aderito con piacere a questo esperimento promosso dalla Regione Veneto e da Veneto Agricoltura, che parte quest’anno e che si augura proseguirà anche in futuro, visto l’importante ruolo svolto dagli alberi nei processi di mitigazione climatica e ambientale. 

“Abbiamo aderito con grande interesse - il commento del vicesindaco Asia Trambaioli - a tale importante iniziativa promossa dai Comuni di San Bellino e Carceri ed estesa poi a livello regionale durante l’anno in corso. Siamo propensi ad adottare anche in futuro tali soluzioni naturali a costo zero per rendere migliore il nostro ambiente circostante, per accrescere il nostro patrimonio arboreo e soprattutto soffermare il cittadino sull’ineluttabile funzione di esso per il nostro territorio circostante. E se questo piccolo gesto vuol essere un primo passo per migliorare l’aria che respiriamo, ed in generale la sostenibilità ambientale del nostro territorio, la nostra adesione, come lo è stata per l’anno in corso, sarà ovviamente più che scontata anche in futuro. Risulta fondamentale che tali pratiche sensibilizzino tutti i cittadini sulle fondamentali qualità e potenzialità del patrimonio arboreo per il nostro ambiente e territorio. Un albero è vita, rappresenta una vita, la nostra. Ha una fine, certo, però finché esiste ci aiuta a farci vivere meglio. Dunque l’appello per le future programmazioni in merito a tale iniziativa, e soprattutto per coloro che non sono riusciti ad ordinare nei tempi previsti a livello regionale le proprie piante, è che chi ha spazio per poter adottare uno o più alberi si faccia avanti aderendo a questa sensibile iniziativa indubbiamente utile per tutti noi, per il nostro territorio. Nel nostro piccolo, possiamo sicuramente ritenerci soddisfatti della partecipazione riscontrata sino ad ora da parte dei nostri cittadini in merito al cospicuo numero di ordinazioni. Sicuramente aderiremo nuovamente durante i prossimi anni, augurandoci che la regione Veneto sosterrà nuovamente tale progetto”. 

Articolo di Mercoledì 11 Novembre 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it