Condividi la notizia

CENTRO VACCINALE TRECENTA

Il Grazie della consigliera regionale Simona Bisaglia ai tanti che si stanno adoperando per la vaccinazione alla popolazione

Accolta dalla responsabile del centro vaccinale di Trecenta, dalla caposala degli infermieri, dal coordinatore del distretto di Protezione civile Rovigo 6, la componente della V commissione sanità della Regione Veneto ha visitato la struttura altopolesana

0
Succede a:
Articolo di Giovedì 1 Aprile 2021
TRECENTA (Rovigo) - Visita della consigliera regionale del Veneto Simona Bisaglia al centro vaccinale dell'Ulss 5 Polesana all'ospedale San Luca di Trecenta dopo le polemiche delle ultime settimane. "Sono ritornata al centro vaccinale per ringraziare dell'impegno profuso fino ad oggi dal personale medico, infermieristico e dai volontari, nella organizzazione e gestione degli accessi per la somministrazione dei vaccini" ha commentato la componente della V commissione regionale per le politiche sanitarie Bisaglia affidando alla propria pagina social il proprio Grazie per aver superato le criticità dei giorni scorsi.


"Ad oggi, in tempo di commissioni regionali e consigli via telematica, ho lasciato la mia prenotazione al vaccino a soggetti anziani più bisognosi nel ricevere la somministrazione, solo questo, purtroppo, è stato il mio contributo di volontaria di Protezione civile che il tempo a disposizione mi consente.
Encomiabili invece le risorse in termini di persone e tempi messi in campo dai colleghi volontari del distretto Ro6 della Protezione civile nel coordinare, insieme ai volontari Anpas di Croce blu di Gaiba e della Associazione nazionale Carabinieri, le operazioni di accesso al servizio vaccinale.
Accompagnata dalla dottoressa responsabile del centro Antonella Gennaro e dalla infermiera caposala di Pronto Soccorso Marzia Brasile ho avuto modo di ringraziare anche i volontari medici ed infermieri che stanno prestando servizio all'interno dei box vaccinali allestiti nell'ospedale altopolesano. Un messaggio semplice, un grazie sincero anche per la loro esperienza di volontariato sanitario a beneficio dell'intera collettività" ha affermato Bisaglia.

La speranza della consigliera regionale è che attraverso l'attivazione del servizio di autoprenotazione online della somministrazione del vaccino, in vigore dal 1 aprile, si possa rendere più agevole il lavoro dei tanti che si stanno prodigando per garantire la sicurezza dei cittadini veneti desiderosi di ricevere il vaccino anti Covid-19.

"La dottoressa Gennaro mi ha assicurato che giornalmente, ad ogni inizio ed ad ogni fine turno, tutto il personale si ritrova per un breve momento di confronto funzionale ad individuare i correttivi per la giornata seguente di modo che il processo di lavoro venga giornalmente migliorato e le criticità risolte. Il coordinatore Paolo Antonini del distretto di Protezione civile Ro6 e presidente dell'associazione VPC Altopolesine, mi ha illustrato come stia organizzando il servizio anche al punto vaccinale di Castelmassa e come si stia attrezzando per coprire, anche quello di Santa Maria Maddalena (Occhiobello) in attivazione".

"Ho trovato un gruppo coeso, motivato, professionalmente preparato e votato al servizio di cui essere orgogliosi" ha concluso Bisaglia da Trecenta promettendosi di visitare anche i centri di Castelmassa ed Occhiobello.
Articolo di Giovedì 1 Aprile 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it