Condividi la notizia

200 DI QUESTI ANNI ROVIGO

Un’Adelaide che piace, tanti applausi

L'Adelaide di Borgogna ha chiuso le iniziative del bicentenario del Teatro Sociale

0
Succede a:

ROVIGO - Tanta emozione e un tuffo nel passato con l'Adelaide di Borgogna di Pietro Generali che il 14 aprile, ha chiuso le iniziative promosse in questa stagione teatrale per celebrare il bicentenario del Teatro Sociale di Rovigo. Si è chiuso, proprio da dove tutto iniziò, fu infatti, proprio l'Adelaide di Borgogna ad inaugurare il nostro Teatro nel 1819.

“Questo Teatro – ha detto il commissario Straordinario Nicola Izzo, portando il suo saluto -, rappresenta la vostra cultura, la vostra tradizione, l'essere assieme”.Per l'occasione ha portato il saluto anche il prefetto Maddalena De Luca. “Festeggiare insieme il bicentenario del Teatro è una grande emozione”.Al via poi allo spettacolo, una selezione dell'opera con le parti maggiormente significative dal punto di vista musicale.  Tanti applausi a scena aperta per tutto il cast che, con la sua bravura ha conquistato i numerosi presenti.

Di seguito i protagonisti della serata: l'orchestra regionale Filarmonia veneta con il conservatorio Francesco Venezze di Rovigo, maestro concertatore e direttore d'orchestra, Stefano Romani, il Coro Lirico veneto, voce narrante Massimo Contiero, coordinamento di scena e luci Elisabetta Brusa.

I ruoli principali sono stati interpretati da: Carolina Lippo - Adelaide ;  Francesco Toso - Berengario; Julija Samsonova - Khayet-Adalberto; Francesco Marsiglia - Ottone I;  Roberto Cresca - Rambaldo.

Articolo di Lunedì 15 Aprile 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it