Condividi la notizia

EMERGENZA SANITARIA 

La prima azienda in Italia a produrre mascherine chirurgiche lavabili omologate è veneta

Uno straordinario team di donne guidato da Laura Pilotto, un’imprenditrice veneta, realizza mascherine chirurgiche lavabili idrorepellenti, con un coefficiente BFE (Efficienza di Filtrazione Batterica) pari al 99%.. Soddisfazione per la Ninfea Srl

0
Succede a:
Articolo di Mercoledì 20 Maggio 2020

ASOLO (TV) – “Dopo tutti gli sforzi, siamo onorati di aver ricevuto un riconoscimento formale da parte dell’Istituto Superiore di Sanità come prima azienda certificata per la produzione di mascherine filtranti di tipo chirurgico e lavabili, in Italia. Tutta la nostra gratitudine va a chi in prima persona ha seguito l’Iter necessario per concretizzare questo risultato: il p.i. Marco Albio di Mi.Zar Srl, l’avvocato Silvia Sardena dello Studio Tonucci & Partners e la dottoressa Elena Allifranchini del Laboratorio Abich Srl”. Queste le parole di Laura Pilotto, CEO di Ninfea Srl.

L’Istituto Superiore di Sanità ha confermato la rispondenza delle mascherine chirurgiche lavabili prodotte da Ninfea Srl alla normativa tecnica e ai requisiti obbligatori richiesti.

L’emergenza sanitaria causata dall’esplosione dell’epidemia Covid-19 ha visto un’impennata della domanda di Dispositivi di Protezione Individuale e dispositivi medici. Molte aziende hanno riconvertito la produzione per far fronte alla crisi, commercializzando mascherine chirurgiche monouso, che però dopo un solo utilizzo devono essere smaltite come rifiuti speciali. Si stima che nella Fase 2 saranno necessarie 40 milioni di mascherine al giorno, e pur volendo sottostimare questo dato, il problema più urgente resta quello di un nuovo rifiuto da avviare allo smaltimento.

In questa sfida, Ninfea Srl ha seguito l’intuito pionieristico della sua fondatrice orientando la produzione verso mascherine di tipo chirurgico lavabili e riutilizzabili fino ad usura, a basso impatto ambientale, con altissimo coefficiente di filtrazione batterica (BFE ≥ 99%). Le mascherine certificate sono disponibili per adulti, adolescenti e bambini.

“È la notizia che aspettavamo da giorni e che ci ha resi fieri delle nostre origini. Noi Italiani siamo un popolo estremamente creativo, pieno di idee e generosità, come dimostriamo nei momenti di maggior bisogno, quando riscopriamo la capacità di fare cose che spesso importiamo dall’estero. Abbiamo risposto fin da subito alla richiesta di mascherine proveniente dal territorio, cercando di percorrere la strada ecosostenibile e quella meno dispendiosa per il consumatore. La perseveranza del nostro team è stata premiata.” - ha aggiunto Laura Pilotto.

Le mascherine Ninfea sono realizzate ai sensi dell’Art.15 Comma 2 del Decreto Legge 17/03/2020 n° 18, omologate dall’Istituto Superiore di Sanità con Protocollo N.0017362 del 15.05.2020 D42 e sono conformi alle norme tecniche UNI EN 14683:2019, UNI EN 10993-1:2010, UNI EN 10993-5:2009, UNI EN ISO 4920, UNI EN ISO 11737-1:2018. Composte da 100% cotone certificato OEKO-TEX, adempiono ai parametri di traspirabilità, sono anallergiche e mantengono idrorepellenti anche dopo numerosissimi lavaggi domestici a 60°.

 

Articolo di Mercoledì 20 Maggio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it